Qualcosa di fresco dentro di sé

Aiutato dal dondolio del callapo Luigi si assopì leggermente e, mentre la sua corteccia cerebrale gli rimandava le immagini delle cime innevate delle Ande e dell’infinita distesa orizzontale dell’Isla Inkawasi, venne svegliato da un forte vento e dalle voci concitate dei neofitos che, dopo aver passato indenni attraverso una piccola rapida, attraccavano sulla sponda sinistra, al riparo di un colle, quasi a picco sulla sabbia.
“Cessato il vento verso sera, i neofitos rizzarono la tenda e attesero a preparare la loro cena consistente in banane arrostite e pesce, piatti di tutti i giorni, con l’aggiunta speciale del cerbiatto. Il luogo ove ci trovavamo era chiuso da colli alti, e l’orizzonte assai limitato… Dopo cena gli Indiani pregarono e si coricarono e io li imitai sul letto di foglie che mi avevano preparato sotto la tenda”.
Da sotto la tenda la radura sembrava rivestita di un’aura di antichità, sovrastata da un silenzio allo stesso tempo spettrale e reverente. Luigi sentì qualcosa di fresco dentro di sé e, mentre canticchiava qualcosa con quel suo alto ronzio nasale, le vene gli sporgevano da sotto la pelle del braccio, tanto che le schiacciava e poi alzava il pugno sentendo il sangue scorrere.
Quando si svegliò, nell’accecante luce dorata del mattino, ascoltò le grida delle scimmie urlatrici e ripensò all’incredibile varietà rare di piante erbacee e arboree che aveva avuto modo di osservare.
Continuò così a compilare sul suo taccuino una lista dettagliata dei dati raccolti sul campo.
“Il 24, alle 5 e 1/4 ant, i miei neofitos stavano già recitando, come di costume, le loro orazioni. Il barometro indicava mm. 684. Mangiammo qualche cosa, e alle 6 e 1/4 ci mettemmo in marcia. La bandiera italiana, per la prima volta sventolava in quei luoghi dal mio callapo sul fiume tortuoso.”

(… continua)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Centro Culturale S. Antonio delle Fontanelle | Contrà Busa, 4 - 36062 Fontanelle di Conco (VI) | Tel: +39 0424 427098 | Email: info@priamoedit.it | Mappa del sito | Privacy policy