Dentro una encañada

Ripresa la via del fiume non poté esimersi dall’ammirare l’esplosione mozzafiato di jacaranda, cinnamomo e cibozio. L’acqua, in quel tratto, era lucida e rifletteva con generosità gli alberi e le foglie che vi si specchiavano.
“Alle 10 circa ant. entrammo in una encañada — una gola — chiamata Meñique. È questo un punto dove il fiume squarcia la catena dei colli che formano da una parte e dall’altra alte pareti a picco. Il fiume entra con violenza nello stretto canale, reso pericoloso da grosse pietre che spuntano dall’acqua nel mezzo, all’entrata e all’uscita dell’encañada. Con tutto ciò il passaggio del Meñique non sarebbe pericoloso, se il canale fosse rettilineo: invece presenta la forma di una Z, e se gli uomini non fossero pratici, sarebbe facilissimo sbattere contro le pareti laterali, o le pietre del mezzo, nel qual caso si capovolgerebbe il callapo o la balsa, come era successo a una di queste, pochi giorni prima, nel recarsi al Miguilla.”
Rischiarono molto — su una rapida in cui incagliarono facendo fatica a uscire — e solo grazie a una serie di manovre decisive dei neofitos riuscirono a uscire dalla gola “senza disgrazie”.
“Passato il Meñique, i colli tornano ad aprirsi, e cosi arrivammo alle 11 e 1/4 circa al Tamampaja, torrente importante che viene dalla sinistra, trasportando le acque, chiarissime di una gran parte della provincia di Yungas, e specialmente dei cantoni di Chulumani e Impana, e che è formato principalmente dal vero Tamampaja che io avevo passato venendo da Coripata a Chulumani, e dal Solacama, che passai da Chulumani a Impana. Il fiume, che anche dopo la sua riunione col Miguilla conservava il nome di La Paz, si chiama, dal Tamampaja in poi, Bopi.”

Arrivarono in una zona d’acqua tranquilla e proseguirono.
Il sole era alto nel cielo e il calore crescente sollevava vapore da palme, liane, cespugli e arbusti.
Luigi viveva del momento e continuava a essere percorso da una vibrazione continua.
“La vegetazione è già bella: si nota qualche ricinus; alberi dai tronchi alti e biancheggianti; tillandsie, palmeti piccoli e grandi palme motacù; varie bromeliacee dai fiorì a spighe o pennacchi, parassite sugli alberi e sulle rocce; qualche amarillide, mezza nascosta fra i cespugli, dai petali rosso sangue venati nel mezzo di verde; una specie di grossa gaggìa rossa; molte orchidee, ma senza fiorì; ficus ecc. ecc… I colli scendono quasi sempre fino al fiume e sono coperti di alberi e difesi, per dir cosi, da grosse pietre alla loro base. Le liane scendono fino all’acqua, e si passa spesso col callapo sotto le cappe degli alberi. A un certo punto si scorge sulla sinistra una stretta ladera che costeggia un colle, e un ponticello: quello è il cammino che va da Chulumani, capitale dello Yungas, all’Assunta.
Spesso sembra che il fiume sia senza uscita; colli a ferro di cavallo lo chiudono da tutte le parti. Il paesaggio è magnifico. Ricordo un gomito del fiume con rocce sulla destra, e sulla sinistra una barranca, o balza, ove esisteva, al tempo del forte commercio della china, un piccolo villaggio, chiamato Charobamba, e una roccia nel mezzo del fiume, che, vista dopo passata, presenta la forma della prua di una corazzata, prolungata in un poderoso sperone.”

continua qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Centro Culturale S. Antonio delle Fontanelle | Contrà Busa, 4 - 36062 Fontanelle di Conco (VI) | Tel: +39 0424 427098 | Email: info@priamoedit.it | Mappa del sito | Privacy policy