Skip to main content

Categoria: Taccuino veneziano

Incurabili

Camminavano piano quel giorno alle Zattere, come chi ha paura di arrivare troppo in anticipo da qualche parte. Aleggiava una nebbiolina pallida e scrutavo disperatamente l’orizzonte forse alla muta ricerca di un segno di salvezza. E c’era nell’aria uno strano odore di alghe gettate a riva, vaniglia e caffè. Venezia è la città dell’occhio, diceva Brodskij. Perché qui è la pupilla a essere animata e di continuo sulla rètina si alternano balconi incrostati di marmi policromi, frontoni intarsiati di serpentino, nicchie rivestite di mosaici scintillanti, cornicioni ornati da cherubini o finestre moresche che si specchiano nell’acqua torbida… E tutto questo “troppo” per l’occhio può essere curativo perché allontana nostalgia e malessere e fa andare oltre l’ovvio, toglie dalle cose la polvere della banalità e dell’oblio.

Continua a leggere