Skip to main content

Mese: Settembre 2013

L’odore del sangue, un inno alla morte

È stato a lungo evidenziato il rapporto tra la stesura de L’odore del sangue e l’infarto che colpì il suo autore, Goffredo Parise, nell’estate del 1979. Un manoscritto redatto di getto (poi sigillato e chiuso in un cassetto fino al 1986), il cui titolo e argomento richiamano la malattia e l’odore dolciastro del sangue, che accompagneranno lo scrittore negli ultimi anni di vita.
Quella del protagonista, il Narratore, è un’ossessione, più che una malattia, per natura forse simile alle stesse ossessioni che tormentavano Parise e di cui l’intellettuale vicentino tentò di liberarsi tramite la scrittura.

Continua a leggere